L’eterna danza dell’Etiopia

Testo di Saba Anglana / Fotografia di Claudio Maria Lerario

Questo testo fa parte del libro Dialogo Silenzioso — La Grande Madre Africa incontra la madre di tutte le arti: la danza.


Un senso di sacro pervade ogni angolo di questa terra emozionante, al punto da regolare i rapporti tra gli esseri umani e il loro comportamento rispetto alla città, la natura, le stagioni, la vita e la morte.

Tanto la dimensione del rito si è sposata alla carne attraverso secoli di devozione religiosa, che i corpi si muovono con grazia danzante anche quando attraversano le strade polverose o scavalcano un mendicante.

Il Paese si spalanca alla modernità come una bocca vorace, ma in bilico sulle sue labbra di cemento armato — ancora, qua e là — si muovono gli esseri umani regali come entità mitiche.

Resiste dolce e fiera la danza antica dei gesti e delle cerimoniose loro ripetizioni.


Questo testo fa parte del libro Dialogo Silenzioso — La Grande Madre Africa incontra la madre di tutte le arti: la danza.