L’iguana è tua cugina (e la fotografia connette la tua vita al racconto del mondo)

Parole di Sebastião Salgado / In alto una bimba di undici anni racconta la sua storia attraverso una fotocamera a foro stenopeico da lei stessa costruita durante un laboratorio che abbiamo tenuto in Etiopia / Fotografia di Claudio Maria Lerario

Quando ci chiedono perché non amiamo discutere — su questo sito, sui social media o altrove — delle varie tematiche che imperversano intorno alla mistica dello “scatto” o del reportage, la risposta è: perché tutto è stato detto. La fotografia è uno strumento dedicato al racconto del mondo e, secondo noi, le parole definitive su questo argomento sono state pronunciate da Sebastião Salgado. E’ tutto qui…


Tuffati dentro. La fotografia è molto più del semplice scattare foto: è uno stile di vita. È quello che senti, quello che vuoi esprimere, è la tua ideologia e la tua etica. È un linguaggio che ti permette di cavalcare l’onda della storia.

Infondi nella fotografia i tuoi ideali. La fotografia è profondamente soggettiva. È il mio modo di vedere: le mie immagini nascono dalle mie idee politiche e ispirazioni ideologiche.

Non avere fretta. Quando immortali una storia, deve essere la tua storia, la tua scelta. Devi identificarti completamente con la tua storia, instaurare pazientemente una relazione con il soggetto che stai riprendendo.

Vivi nelle fotografie. Quando guardi queste immagini, non stai guardando solo belle immagini fini a se stesse, non stai guardando solo una storia. Stai guardando la mia vita.

Onora la tua posizione. Essere un fotografo è un privilegio che ti offre l’opportunità di essere gli occhi del mondo e di condividere quello che solo tu hai visto.

Non sarà facile. Il tempo dedicato a fare fotografie sul campo è solo l’1% del tempo complessivo. Il lavoro a tempo pieno è quello dedicato all’ideazione, alla progettazione e alla realizzazione del concept. È questa l’essenza della fotografia.

Discuti e condividi le tue storie. Lavoro insieme a un collaboratore d’eccezione: mia moglie. La cosa più importante della mia vita è il giorno in cui ho conosciuto mia moglie, nel 1964. Da allora, abbiamo analizzato e discusso insieme ogni storia che ho fotografato. Abbiamo condiviso le stesse motivazioni etiche e politiche che poi hanno dato vita alle mie storie.

Non dare la vita per scontata. Non sono un credente. Tuttavia, se esiste una potenza superiore in grado di guidarci, questa è l’evoluzione. Come siamo arrivati ad essere ciò che siamo oggi, a quale livello di esperienza siamo giunti. C’è una grande potenza dietro la nostra storia.

Tutte le creature della Terra sono uguali… (Salgado commenta così l’immagine dell’iguana marina presente nel suo progetto Genesis): “Ogni movimento della zampa dell’iguana è lo stesso che caratterizza il braccio degli esseri umani. Nell’iguana identifico una cugina. Siamo originati tutti dalle stesse cellule. Nel giro di un attimo, potevo essere l’iguana e l’iguana poteva essere me”.

— Sebastião Salgado