Dialogo Silenzioso: la Grande Madre Africa incontra la madre di tutte le arti

Dialogo Silenzioso è una mostra multimediale basata su The Eternal Dance Of Ethiopia, il progetto fotografico  —  realizzato da Claudio Maria Lerario in collaborazione con Elisa Amati  —  internazionalmente riconosciuto come uno dei racconti visuali più evocativi e meno stereotipati su quella terra.

Curata dal coreografo Claudio Gasparotto e organizzata da Augeo Art Space, Dialogo Silenzioso è una esibizione itinerante che racconta l’incontro tra la Grande Madre Africa  —  in questo caso rappresentata, per l’appunto, dall’Etiopia  —  e la madre di tutte le arti: la danza.

In Dialogo Silenzioso ogni creazione è un dialogo, ogni dialogo è una prova, ogni prova è un desiderio di entrare in contatto con la bellezza dello splendore umano, di coglierla e trasformarla in immagine, così come sono riusciti a fare Claudio Maria ed Elisa Amati.

Dialogo Silenzioso non è solo un percorso fotografico ma è un racconto che, oltre a lasciarsi guardare, si legge e si ascolta con piacere: le fotografie viaggiano insieme a parole luminose scritte da danzatori, coreografi, musicisti, registi, scrittori, poeti, artisti, educatori e filosofi.

Sono parole selezionate da Claudio Gasparatto, interpretate dai performer di Movimento Centrale, dipinte da Concetta Ferrario ed echeggianti  —  in varie lingue africane  —  nel paesaggio sonoro composto da Fabio Mina. Tutto questo è arricchito dai contributi originali di Saba Anglana e Jean-Luc Nancy.

In Dialogo Silenzioso l’immaginario aperto dalla fotografia, connesso al potere evocativo delle parole, è come lo spazio aperto dall’amore: non ha limiti. In questa immensità anche la danza, come l’amore, come l’energia che arriva dall’Etiopia, apre spazi illimitati e diventa arte aperta a tutti.

Matteo Sormani  —  Direttore di Augeo Art Space


Patrocini e sponsor

Dialogo Silenzioso è patrocinata da: Ambasciata d’Etiopia in Italia, Cuomo Foundation of Monaco, Regione Emilia Romagna, Comune di Rimini, Università di Bologna. Dopo il debutto riminese Dialogo Silenzioso diventerà un’esposizione itinerante in varie città italiane, europee e africane.


Autori e crediti

Fotografie: Claudio Maria Lerario, Elisa Amati / Collaboratori: Kusse K. Bekele, Seblewongel Getachew, Seppe Hendrickx, Mariela Lamela, Mattia Lerario / Documentazione visiva: Dorin Mihai

Testi originali: Jean-Luc Nancy, Saba Anglana, Claudio Gasparotto, Claudio Maria Lerario, Monica Tomasetti / Calligrafia: Concetta Ferrario / Performer: Movimento Centrale — Danza & Teatro / Paesaggio sonoro: Fabio Mina / Design: AlterNative Storylab / Organizzazione: Augeo Art Space

Testi non originali: Sandro Penna, Gillian Hobart, Franziska Boas, Rudolf Laban, Agnes de Mille, Pina Bausch, Paul Verlaine, Isadora Duncan, Jim Morrison, Doris Humphrey, Tsunesaburo Makiguchi, Mary Wigman, Martha Graham, Ruth St. Denis, Ted Shawn, Serge Lifar, Doris Humphrey, Anna Sokolow, Samuel Beckett, Meredith Monk, Mary Anthony, Simone Forti, Salman Rushdie, Daisaku Ikeda, Miyako Yoshida, Curt Sachs, Paul Valery, Antonio Gades, Federico Garcia Lorca, Jean Genet, Antonin Artaud, William Shakespeare, Julian Beck, Pippo Delbono, Peter Brook, Kazuo Ohno, Jerzy Grotowski, Henri Cartier-Bresson, Théophile Gautier, Sant’Agostino, Louis Horst, Hanya Holm, Alighiero Boetti, Isadora Duncan, Margaret N.H. Doubler, Edward Gordon Craig, Carolyn Carlson, Federico Fellini, David Herbert Lawrence, Nichiren Daishonin.